Monte Bianco: l'ottava meraviglia del mondo

Monte Bianco: l'ottava meraviglia del mondo
Tra gli estimatori dell'alpinismo, il Monte Bianco ha un'autorità speciale. E non solo perché è uno dei sistemi montuosi più alti. Situato al confine tra Francia e Italia, questo massiccio cristallino è stato testimone di numerosi eventi storici.

Quali sono le caratteristiche

Le Alpi occidentali hanno un rilievo montano-glaciale e sono profondamente sezionate da solchi di pietra. Una delle vette del massiccio - il Monte Bianco - è il punto più alto d'Europa. Il suo nome deriva dall'italiano Monte Bianco e dal francese Mont Blan, che significa "montagna bianca". Con un'altezza di 4810 m, il massiccio si estende per 50 km e ha una superficie glaciale di circa 200 km2. Uno dei maggiori ghiacciai, il Mer de Glace, vanta uno spessore di ghiaccio di 400 m ed è sopra di esso che un'esotica funivia si estende sull'Aiguille du Midi, una vetta con un'altezza di 3842 m.

Popolari tra i turisti sono luoghi straordinari del Monte Bianco come:

  • galleria stradale dalla Francia all'Italia, la cui lunghezza è di 11,6 km;
  • stazione sciistica di Chamonix - il piede occidentale, dal lato francese;
  • la città italiana di Courmayeur, che ha avuto la reputazione di stazione termale di qualità fin dal XVIII secolo.

Le pendici montuose del Monte Bianco sono un vero piacere per scalatori, snowboarder, sciatori. Inoltre, la zona è interessante per gli escursionisti che effettuano escursioni lungo il percorso del Tour du Mont Blanc.

Riferimento storico

I fatti storici sulla conquista della vetta del Monte Bianco risalgono alla seconda metà del XVIII secolo. DI. Saussure ha stabilito un premio in denaro per chi scopre un modo per scalarlo. L'8 agosto 1786 fu eseguita da Jacques Balme e dal dottor Michel Packard. Ha lasciato il segno nella conquista del vertice e il presidente degli Stati Uniti T. Roosevelt. Era a capo di una spedizione nel 1886, in viaggio di nozze. Anche le donne non hanno fatto a meno di scalare il punto più alto d'Europa. Nella storia dell'alpinismo, un tale segno fu lasciato da Maria Paradis nel 1808.

Qual è il valore delle vie del Monte Bianco

Il Monte Bianco non è solo un paradiso per alpinisti e sciatori professionisti. Chiunque desideri riconnettersi con la natura di montagna, sotto la guida di una guida, può provare una ricca gamma di sensazioni salendo in quota. Da qualunque parte si svolga il percorso, dall'italiano o dal francese, sono garantite emozioni inesprimibili e adrenalina nel sangue.

Dopo aver conosciuto le peculiarità delle cime di pietra, il più originale giardino botanico europeo di Courmayeur diventerà un vero regalo per i turisti. Il suo fascino sta nella sua posizione naturale di montagna, nell'opportunità di sentire la natura della vegetazione rocciosa, di contemplare le infinite distese delle montagne circostanti. Le vette intorno alla città hanno persino un nome speciale: "quattromila", la stagione sciistica qui inizia a dicembre e termina alla fine di aprile.

Dopo aver camminato per pochi minuti dalla città, si può raggiungere il centro sportivo Forum, dove è possibile praticare slitte trainate da cani, sci di fondo o pattinaggio su ghiaccio. Non mancano posti dove mangiare e riposare. La cucina locale e i vini italiani sono conosciuti in tutto il mondo. La primavera è il periodo del Carnevale delle Maschere, ea dicembre il Centro Congressi ospita il Courmayeur Noir in Festival.

Per chi preferisce le escursioni ai musei, si propone di conoscere l'esposizione nella Casa delle Guide (l'edificio del Museo del Duca d'Abruzzo). Questa è una raccolta di cimeli, attrezzature per l'arrampicata, effetti personali di coloro i cui nomi sono associati alla conquista del Monte Bianco.

Puoi raggiungere autonomamente il punto culminante del Monte Bianco - Courmayeur - in due modi: dall'Italia lungo l'autostrada valdostana, dalla Francia attraverso il tunnel del Monte Bianco.

articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItaliano
Vicino